I Miei Tre Amici Finlandesi

Africa-font-b-Elephant-b-font-font-b-Desert-b-font-Nature-Black-White-Art-Silk

 

 

Stanotte ho sognato che facevo la personal trainer a tre ragazzi finlandesi bellissimi, biondi, alti e muscolosi. Erano pure veramente simpatici.

Parlavamo tra di noi in inglese, però loro a volte si dicevano delle cose nella loro lingua e ridevano, io non capivo e avevo la sensazione che mi stessero prendendo un po’ per il culo. Lingua ostica, il finlandese onirico.

Coi i tre finlandesi ci trovavamo ogni giorno per l’allenamento sulle scale di Piazza Venezia a Roma, quale miglior posto per un sano momento di attività fisica.

Si chiamavano Tolle, Ullo e Knolle, tipici nomi finlandesi.

Poi nel sogno io e Ullo ci siamo innamorati.

Soltanto che al momento del primo bacio i simpatici Tolle e Knolle ci hanno dato una spinta e noi siamo rotolati giù dalle scalinata del Milite Ignoto. Dopo avere ruzzolato sui gradini in mezzo ai turisti che ci fotografavano, due poliziotti romani ci hanno arrestati  per atti osceni perché nel rotolamento avevamo perso i vestiti ed eravamo a terra nudi.
Normale, no, perdere le mutande quando cadi dalle scale.

Spero che tra di voi non ci sia nessuno esperto in interpretazione dei sogni.

Poi mi son svegliata, nel letto nessuna traccia di Ullo, sarà rimasto lì al commissariato, speriamo se la cavi con il suo inglese.

Nei sogni ci sono molte cose incredibili.

Ad esempio le persone che vedi possono in realtà essere delle altre, ad esempio il tuo amico Franco può avere il corpo di un altro, di Ugo. Ma tu lo sai che è Franco.

Poi ci si può spostare da un posto all’altro, da un paese all’altro come col teletrasporto.

Si passa da un momento della vita ad un altro, nei sogni, le immagini si sovrappongono, le età si confondono, si accetta la realtà per quella che è.

Ma la cosa che più mi piace è che succedono cose inverosimili ma per tutti sono normali, passare dal futuro al passato, volare, respirare sottacqua, parlare con gli animali, incontrare balene nel Po ed elefanti che volano in mezzo alle nuvole, diventare alti come l’Empire State Building o piccoli come una formichina, vivere in un mondo in cui domina  l’amore, il rispetto e l’accoglienza invece dell’odio e della prevaricazione.

Normale, no?

A me sognare piace un casino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...